Benvenuta su Pink Mojito magazine!

Com’è diventare mamma a 30 anni?

diventare mamma a 30 anni

Il racconto di Chiara

 

Eccoti, nel fiore dei tuoi 30 (e qualcosa) anni, con in mano un bastoncino che ti dice che la tua vita sta per cambiare. Una sorta di bacchetta magica che, con solo due linee rosa, riesce a predirti il futuro. Già, hai 30 (e qualcosa) anni e stai per diventare mamma. Tra qualche mese arriverà un fagottino morbido a stravolgere la tua esistenza.

Ma cosa vuol dire diventare mamma a trent’anni?

I pensieri che ti passeranno per la mente saranno i più disparati. Euforia e ansia si alterneranno facendoti vivere un viaggio da montagne russe.

L’età media in cui si diventa madri per la prima volta è notevolmente aumentata nell’ultimo decennio, quindi potresti essere la prima del tuo gruppo di amiche a diventare mamma. Potresti temere un allontanamento delle tue amiche, dovuto al cambiamento delle tue necessità e priorità dopo la nascita del pupo.

Nella tua testa potrebbero affollarsi tante domande, una su tutte: come farò? Come farò a viaggiare? Quel tour del Sud America che tanto sognavo non è molto adatto ad un neonato. Come farò a mantenere la mia vita sociale? Aperitivi, cene fuori, concerti, teatro, ma anche palestra, pomeriggi di shopping o di relax alle terme. Come farò a mantenere sveglio l’interesse nella coppia? Tra poppate, notti insonni, pannolini e pappette non avremo neanche più il tempo di darci un bacio.

Alt, ferma tutti questi pensieri!

Guarda il lato positivo delle cose. Se sei la prima del tuo gruppo di amiche a diventare mamma, ci saranno meno persone pronte a riportarti la loro esperienza spacciandola come unica verità su qualsiasi questione che riguarda te e il tuo bambino. E fidati, chiunque vorrà darti i famosi consigli non richiesti, qualcuno in meno non potrà che fare bene.

È vero, forse almeno all’inizio dovrai rivedere un po’ i tuoi programmi per quanto riguarda gli spostamenti, soprattutto quelli più lunghi. Attenzione, ho detto rivedere, non annullare. Con i bambini si può fare tutto, basta usare un po’ di buon senso e un po’ più di organizzazione. Magari dovrai rimandare di qualche anno il tour in Sud America, ma ci sono tante altre mete che potrete visitare, non solo la riviera romagnola. Anzi, potresti sfruttare i mesi di maternità per organizzare un viaggio. Lo stesso vale per la vita sociale: se non hai voglia di portare un bebè al ristorante o nel locale super trendy per l’happy hour, sposta tutto a casa tua per una volta. Invita le amiche da te, ordinate cibo che vi possano consegnare a domicilio e gustatevi la serata. Poi, appena ti sentirai pronta a farlo, lascia il tuo dolce frugoletto al papà e concediti qualche ora fuori. Con le amiche, con tua mamma, da sola, non importa: ricordati che una mamma rilassata è una mamma più felice!

E la coppia?

Come farete a recuperare i vostri spazi mentre sarete in balia degli orari e degli umori di un fagottino di mezzo metro? Forse all’inizio sarai molto stanca, vorrai solo dormire ogni volta che dormirà lui, ma pian piano ti abituerai ai nuovi ritmi. Quello sarà il momento giusto per chiamare una nonna/amica/cugina/zia/baby-sitter/persona di fiducia, affidare tuo figlio alle loro cure, prendere il tuo lui e uscire da soli.

Abbattiamo un altro tabù? La carriera può andare avanti anche per le mamme. A trent’anni, lavorativamente parlando, potresti essere in una terra di mezzo. In attesa di quella promozione o di una risposta per quel posto a cui tieni tanto. La maternità cambierà qualche equilibrio, è innegabile. Renderà forse l’organizzazione più difficile, ma non è impossibile seguire i tuoi sogni. Anzi, potrebbe essere il momento per una svolta decisiva.

Diventare mamma a 30 anni può spaventare. Ormai sei una donna indipendente, hai trovato i tuoi ritmi, i tuoi equilibri, hai la tua vita. Sicuramente un bambino sconvolge tutto, ti costringe a rivedere le tue priorità ed i tuoi obiettivi, ma quel piccolo fagottino può darti qualcosa che non ti aspetti. Ti strappa un sorriso nelle giornate no. Ti allarga il cuore in un modo che non credevi possibile, ma soprattutto ti fa riscoprire la bambina che c’è in te. Preparati a farle spazio!

Chiara, 30 e qualcosa anni, milanese, mamma di una piccola ribelle. Impiegata per dovere, creativa per passione, blogger per piacere. Amante della buona cucina, da fare e da mangiare. Portatrice sana di glitter, non solo a Natale!

Leggi anche...

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: