Benvenuta su Pink Mojito magazine!

I videogiochi preferiti dalle donne

videogiochi preferiti dalle donne

Quando il videogioco è donna

 

Gli anni ’80, se pur tornati di moda in particolare nella musica e nelle serie TV, sono oramai lontanissimi.

I videogiochi come passatempo esclusivo di adolescenti asociali sono oramai un luogo comune (quasi) del tutto scomparso dall’immaginario collettivo. Attualmente almeno quattro generazioni diverse giocano con videogiochi in contemporanea e parallelamente sono in costante aumento le donne e le ragazze che amano joypad, console o app videoludiche su smartphone e tablet.

In una recente ricerca è emerso che le donne amano giocare ai videogiochi e oggi vogliamo dirti quali sono i videogiochi preferiti dalle donne.

In cima alla lista delle preferenze rimangono i Match 3, quel genere di puzzle game derivati dall’unico e inconfondibile Tetris, come Candy Crush Saga, Bejeweled, Farm Heroes Saga tra gli altri, che si tingono decisamente più di rosa e che sono in cima alla lista delle preferenze di ben oltre la metà delle videogiocatrici.

Subito dietro tra i videogiochi preferiti dalle donne, ci sono titoli definiti dai giocatori hardcore. Attenzione, non si tratta assolutamente di qualcosa legato ai film osé, ma del termine usato dai gamers più incalliti per indicare quei titoli che richiedono molto impegno per essere portati avanti, come ad esempio gli MMO, acronimo che sta ad indicare i Massive(ly) Multiplayer Online Role-Playing Games. Si tratta di veri e propri universi virtuali in cui il nostro personaggio vive una sua propria vita in dimensioni fantastiche e complesse. In questo ambito le ragazze preferiscono nettamente gli MMO ambientati in contesti fantasy. Il preferito in assoluto è World of Warcraft, seguito a distanza non troppa ravvicinata da The Elder Scrolls Online.

La fantascienza, invece, viene decisamente snobbata da donne e ragazze se parliamo di videogiochi. Pochissime infatti si interessano ad esempio a Star Trek Online e Star Wars: The Old Republic.

Tra i generi meno amati dal gentil sesso troviamo i videogiochi dedicati agli sport: che si tratti di calcio, basket o football americano, solo il 2% di donne e ragazze sembra interessato a questo genere mentre le cose vanno un po’ meglio con gli “sparatutto” in prima persona come i vari Battlefield, Doom e Call of Duty.

A proposito di serie, quella che riscuote maggiormente successo fra le ragazze è indubbiamente quella di Assassin’s Creed, preferita dal 27% delle intervistate di un recente sondaggio tra i titoli d’azione. Non ci sorprende più di tanto questo dato visto che il team di sviluppo di Ubisoft per questa serie è composto nei ruoli dirigenziali da elementi femminili e grazie al loro prezioso contributo hanno reso più appetibile alle videogiocatrici i vari capitoli della bellissima saga ambientata in diversi periodi della storia. L’ultimo in ordine di tempo è Origins che torna indietro fino all’affascinante Antico Egitto.

E ai gusti delle giocatrici stanno andando sempre più incontro i siti specializzati in giochi d’azzardo, che di giorno in giorno aumentano sempre di più le personalizzazioni di slot machine e di altri dispositivi elettronici con elementi estetici maggiormente indirizzati al pubblico femminile.

Ecco dunque Rapunzel, Angel Princess, Romeo e Giulietta. Sono soltanto alcuni dei personaggi utilizzati per strizzare l’occhio al “lato rosa” del mercato.

Per concludere, citando un bel film italiano degli anni ’80 diretto dall’indimenticabile maestro del cinema Mario Monicelli, speriamo che sia femmina… il videogioco s’intende!

Non compro giornali femminili, però ne ho creato uno. Ho 33 anni, ho un compagno da 8 e convivo da 7. Vorrei un mondo in cui le donne siano più consapevoli delle loro potenzialità. Sono laureata in Economia del turismo e ho iniziato a gestire blog dal 2010. Per saperne di più su di me clicca le icone e il link qui sotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: