Tutti la conosciamo come la sovrana del regno più longevo nella storia inglese. Da ben 67 anni la regina Elisabetta II siede sul trono britannico e non ha alcuna intenzione di cedere il posto ai suoi successori.

Nelle apparizioni pubbliche la regina appare sempre perfetta: un’aurea di potere, eleganza e compostezza la contraddistingue da anni. Persino il suo look è sempre impeccabile, probabilmente è l’unica donna capace di sfoggiare un completo verde fluo senza sembrare fuori luogo.

Vista dall’esterno sembra che nessuna difficoltà possa scalfirla, ma è davvero così? Chi è realmente Elisabetta di Windsor?

Numerosi film e documentari hanno cercato di ricostruire la sua vita e raccontare la sua storia. Ammetto di essere affascinata da sempre dalla storia della monarchia britannica e come tale la filmografia sulla regina Elisabetta è un po’ il mio pane quotidiano. Proprio per questo mi sento di affermare che l’acclamata serie tv targata Netflix, The Crown, è riuscita a fornirci una descrizione piuttosto realistica della sua persona.

The Crown serie tv

La trama della serie tv ‘The Crown’

‘The Crown’ è una famosa serie tv prodotta per Netflix a partire dal 2016. Al momento le stagioni ammontano a 4, l’ultima terminata poco prima che esplodesse la pandemia del Coronavirus, e ora siamo in attesa di vedere sugli schermi l’ultima stagione. ‘The Crown’ terminerà con una quinta stagione come è stato annunciato da Peter Morgan, creatore della serie, lo scorso gennaio.

Una serie tv che è stata amata fin da subito, persino dalla critica che le ha fatto guadagnare diversi riconoscimenti, tra cui 3 Golden Globe e 8 Emmy Awards.

La serie è incentrata sulla regina Elisabetta a partire dal 1947 fino a nostri giorni.

La prima stagione racconta il matrimonio di Elisabetta con Filippo di Edimburgo fino al 1956, quando scoppio la crisi di Suez. La seconda stagione prosegue fino al 1964, anno di nascita del principe Edoardo, ovvero l’ultimo figlio dei reali. La terza stagione, invece, si concentra sulla celebrazione dei 25 anni dall’ascesa al trono di Elisabetta (1977), il matrimonio in crisi della sorella di Elisabetta, la principessa Margaret, e le prime storie d’amore del principe Carlo.

La Regina Elisabetta, una donna come noi

Nelle prime due stagioni della serie Elisabetta appare tutt’altro che una donna dura e indistruttibile. Anche se all’esterno deve mantenere una certa immagine di sé e apparire forte e determinata, la serie ci ha permesso di scoprire un aspetto interessante su quello che è stato il suo privato, riuscendo a mettere a nudo le sue debolezze.

Innanzitutto occorre sottolineare che Elisabetta non è stata educata e cresciuta come futura erede al trono inglese. Suo padre, re Giorgio VI, è salito al trono in seguito all’abdicazione di suo fratello Edoardo VIII che si era perdutamente innamorato di Wallis Simpson, una donna americana e divorziata, che voleva sposare a tutti i costi. Questa è stata senza dubbio la prima sfida da affrontare per la giovane Elisabetta che da un giorno all’altro si è ritrovata ad essere la futura regina del Regno Unito.

Il passaggio di consegne e la sua ascesa al trono hanno rappresentato una dura prova per la sovrana. Elisabetta era molto legata a suo padre ed era in viaggio di nozze in Kenya con il principe Filippo quando ha appreso della notizia della sua morte improvvisa.

Ecco la Regina Elisabetta II in un abito verde chiaro… brillante! (Photo credit: Eddie Mulholland – Getty Images)

Persino nel matrimonio la regina Elisabetta non ha avuto vita facile. Sono numerose le voci di possibili tradimenti e scappatelle del principe Filippo, definito dai più come un ‘impenitente farfallone’ e ‘sciupafemmine’Naturalmente Buckingham Palace ha sempre smentito tali rumors e la regina non ha mai rilasciato dichiarazioni in merito, proprio per questo è stata spesso definita come una donna che lascia al marito i suoi spazi o che vede e non vuole sapere.

Vedere scorrere sullo schermo i momenti salienti della vita della regina Elisabetta mi ha portato a fare una riflessione. Molto spesso tendiamo a idolatrare questi personaggi pubblici, che siamo essi capi di Stato, attori o cantanti. Siamo portati a vedere solo gli aspetti positivi delle loro vite, concentrandoci sui loro pregi, i loro privilegi e la loro vita agiata. In realtà spesso ci sfugge che quella che ci viene mostrata è solo una faccia della medaglia. È molto più semplice mettere in piazza le cose belle che accadono e lasciare nell’ombra le sofferenze, le difficoltà, gli sbandamenti. Tutto questo ci porta a mettere le nostre e loro vite su due piani completamente diversi e a vederle come due realtà che non hanno nulla in comune.

Qual è la realtà delle cose? Vediamo solo ciò che ci viene mostrato, conosciamo soltanto un piccolo frammento delle loro vite patinate. Se potessimo avere accesso al loro privato scopriremmo che non è tutto ora quello che luccica e che le loro difficoltà sono esattamente le stesse che affrontiamo noi ogni giorno.

È la somma di tutti questi fattori a rendere una sovrana, una donna come tutte le altre.

Per saperne di più sulla Regina Elisabetta II puoi leggere:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *